Violini e Pittura.

Suonare e costruire i violini
Rispondi
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 12335
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Violini e Pittura.

Messaggio da claudio »

E' noto che la pittura svolge per la liuteria italiana una funzione di autentica memoria storica, infatti se non ci fossero quadri ed affreschi antichi a raffigurare come erano fatti gli strumenti della più remota antichità, oggi il nostro patrimonio di conoscenze sarebbe certamente più povero.
Ieri sera, in occasione di un concerto per violoncello solo tenuto dall'amico Giuseppe Cecchin che ci ha entusiasmato con le suite di Bach e le sue trascrizioni di Prokofev e Paganini, svoltosi in una graziosa chiesetta di Casole d'Elsa (Siena):
http://www.casole.it/modules.php?op=mod ... page_id=61
ho avuto occasione di ammirare alcuni affreschi del XVII sec. che ricoprivano le volte. Ad un certo punto sono rimasto attratto dalla figura di un angelo musicante che suonava una specie di antico parente del violino, probabilmente una viola o una lira da braccio:

Immagine

Come potete vedere si tratta di uno strumento arcaico, ma che richiama già le forme del violino così come lo conosciamo oggi. Innazitutto notiamo le "CC" che aprono letteralmente il corpo dello strumento, il ponticello praticamente sembra vicinissimo a quella che sembra una barretta incollata alla tavola armonica atta a reggere le corde. La tavola armonica medesima sembra piatta, il manico sembra essere attaccato al corpo formando tutta una linea con esso, la tastiera sembrerebbe interrompersi al bordo della tavola armonica e il cavigliere su cui oggi vediamo ergere il riccio tanto familiare, vede invece uno scudo o qualcosa di simile, del tutto simile anche ad analoghi manici stradivariani, viole d'amore e simili.
L'importanza di questo affresco sta nel fatto che qui non ci troviamo a Cremona, bensì in uno dei tanti paesi inseriti nella sconfinata campagna senese. Ricordo che a pochi chilometri sorge l'antico paese di Colle Val d'Elsa, luogo di nascita di colui che ci ha tramandato uno dei più antichi e validi manuali antichi di pittura e affresco, si tratta di Cennino Cennini che visse a cavallo tra la fine del 1300 e la prima metà del 1400. Ancora oggi passeggiando per quelle campagne si rimane stupiti per la ricchezza dei colori di quelle terre. Infatti fin dall'antichità il famoso colore "Terra di Siena" era tratto proprio dalle argille di Colle Val d'Elsa.
Ma ritornando al nostro strumento raffigurato nell'affresco, notiamo anche la minuzia con cui è stato raffigurato l'arco e la corretta presa delle dita effettuata sul medesimo: allora il crine veniva tenuto in tiro con la semplice pressione del pollice. C'è da precisare che le bacchette degli archi erano piuttosto esili e facili da piegare con la pressione delle dita.
Da quanto sopra se ne ricava che, seppure Cremona ha conosciuto il genio dei più grandi liutai, le botteghe di liuteria e i liutai, chiamati anche "violinari", hanno sempre esercitato la loro arte in Toscana, perlomeno nell'ambito delle province di Firenze, Pisa, Livorno e molto probabilmente anche Lucca. Questo è un dato che emerge dagli archivi storici ove in documenti del '400 ed epoche successive vengono spesso nominati "violinari" e non di rado tali documenti riportano gli inventari di questi antichi laboratori.
CarloPi
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 33
Iscritto il: lunedì 8 marzo 2021, 19:37

Re: Violini e Pittura.

Messaggio da CarloPi »

Bellissimo affresco; credo tuttavia che il pittore abbia invece tentato di raffigurare le bombature della tavola per non farla apparire piatta: in prossimità delle punte superiori, della punta inferiore sinistra e, in generale, sulla zona della sguscia (soprattutto la superiore sinistra e le inferiori), il colore è più scuro, quasi a far sembrare quella zona piano-concava e dare invece risalto alle zone dei polmoni con un colore più chiaro e che suggerisce una bombatura verso l'alto la quale intercetta la luce. La cosa che trovo molto curiosa, data l'accuratezza generale della rappresentazione, e in particolare della mano e dell'archetto come giustamente hai descritto, è l'assenza delle fasce della C, confermata dal fatto che all'interno della C è stato rappresentato il panneggio della manica della violinista.
Veramente un bell'affresco e un grazie a Claudio per averlo condiviso.
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 12335
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Violini e Pittura.

Messaggio da claudio »

Ottime osservazioni, grazie a te Carlo.
andante con fuoco
Rispondi