Vernice oleoresinosa trovata sul web, qualcuno la conosce?

I liutai: i loro strumenti e le loro biografie.
Rispondi
Paolino84
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 20
Iscritto il: martedì 4 maggio 2021, 22:26

Vernice oleoresinosa trovata sul web, qualcuno la conosce?

Messaggio da Paolino84 »

Buon pomeriggio Maestri Liutai,
premetto che non sono un liutaio di violini, la mia esperienza seppur minima l'ho fatta solo su chitarre classiche.
Dunque: con la speranza di imparare qualcosa nell'ambito della liuteria di violini mi sono imbattuto in un manuale trovato su internet in inglese che riporta una ricetta di vernice oleoresinosa.
Non ho mai preparato questo genere di vernice, quindi chiedo cortesemente vostre considerazioni pareri ed eventuali consigli, la ricetta è questa:

In this varnish, you have the option to use nitric acid to color the resin. If you decide not to use the acid, skip step 2 in the Preparation. The varnish will be less colored and great for the f inishing coats.
Equipment
1. Hot plate preferably thermostatically controlled, with diffuser screen.
2. Thermometer. (maximum of 350° C will suffice). A candy thermometer or a cheap Radio Shack multimeter with a thermometric probe.
3. An enameled or stainless steel pot.
4. Lab spoon or glass rod for stirring.
5. Scales.
6. Coffee filters.
7. Fire extinguisher. (ready at all times)
8. A pipette or a dropper.
Ingredients preparation Liquid wood ash
1. Burn preferably hard woods, a mixture of spruce and maple shavings is acceptable.
2. Put an amount of ash that is equal of that of resin {200gr} in a coffee filter.
3. Pour an equal amount of distilled water {200gr} in the filter and wait until all the water gets filtered. Linseed oil thick ening Cook 170gr of linseed oil for 1.5 hours - until it gets thicker and considerably darker.
Ingredients
1. 120gr Damar, 80 gr Calophony.
2. 65% nitric acid.
3. Linseed oil or Walnut oil Cold pressed.
4. 200gr Liquid wood ash.
5. 1/2 teaspoon - Slaked Lime.
6. Spirits of Gum Turpentine.
Preparation
1. Put 120gr of Damar and 80 gr of Calophony in your pot. Bring to 100C.
2. Bring to cca 170C and start adding 65% nitric acid. A pipette or an eye dropper are great for this. 50gr should be enough. Add a little, let bubble, stir, and when the reaction subsides, add more. {you can skip this step to obtain clear varnish}
4. Add 200gr of Ash water + 1/2 spoon of slaked lime, keep stirring.
5. Boil off all water.
6. Bring to 280C and boil for 10 minutes.
7. Thicken 170gr of linseed oil.
8. Warm up resin to 270C, add thickened oil.
9. Cook at 300C for approximately 30mins or more, until a successful string test, see bellow.
10. Remove from heat, warm up 100gr of turps to 100C.
11. Add stirring to 140C varnish. Advantages Gives a deep yelow/red/brown transparent color. Stable colors. Disadvantages Some people say the nitric part may negatively affect the varnish in time. If that matters to you, just don't add any.
String test
The string test gives you an idea about how well the resin gets bonded with the oil. A failing string test means insufficient bonding.
1. Place a drop of hot varnish into a glass of water, let cool for 5-10 seconds, pick up and pinch between your thumb and index fingers. As you pull your fingers apart a string should form.
2. Failing that, continue cooking until varnish strings. The longer strings it gives you, the better. 5 cm would be great.

Le prime considerazioni che mi vengono in mente sono che 200gr di resine mi sembrano veramente molte per 170gr di olio di lino ristretto, inoltre non è chiaro quanta essenza di trementina debba essere usata, probabilmente dipende dal test riportato in fondo che ne "misura" la viscosità.

Lascio a voi più esperti la parola,

Un saluto.
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 12547
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Vernice oleoresinosa trovata sul web, qualcuno la conosce?

Messaggio da claudio »

A me sembra una vernice piuttosto "caotica" dall'esito incerto, mai provata una simile e penso che mai lo farò. Niente viene detto circa l'essiccazione ed esposizione ai raggi UV.
Sarebbe troppo lungo elencare punto per punto le cose che a mio parere non vanno, quindi mi limito alle più essenziali a partire dall'aggiunta di acido nitrico, che certamente serve a scurire la vernice, ma che altera profondamente le molecole della resina e dell'olio di lino. Aggiungere pigmenti polverulenti come si è sempre fatto nell'antichità sembra troppo difficile?
Non c'è bisogno di inspessire l'olio di lino, questo renderebbe la vernice spessa e con una certa apparenza gommosa, poco adatta agli strumenti musicali. L'olio di lino crudo va scaldato a temperature che si aggirano attorno ai 160/180°C, procurando sempre che si mantenga liquido e che non si inspessisca, quindi breve esposizione al calore. L'olio va scaldato ad una temperatura simile a quella della resina in fusione, in modo che incorpori meglio.
La proporzione resina/vernice 1:1 va benone, nella ricetta si riduce la proporzione dell'olio perché è inspessito.
Una vernice del genere può andare bene per oggetti che non vengono toccati come i quadri, ma non va bene per gli strumenti musicali perché tende sempre a rinvenire al contatto con la pelle. Provare per credere, specialmente in questo caso in cui la Dammar prevale.
Ma il problema che in questa ricetta sembra essere irrisolto è quello della colofonia, che invece dovrebbe essere usata in maggior parte, ma non vengono date indicazioni sui modi di cottura. Cuocere la colofonia in modo da abbassare la sua acidità ed alzare la sua temperatura di fusione è cosa difficile che sanno fare in pochi, io non sono tra questi.
L'essenza di trementina funge da diluente, non c'è mai una indicazione su quanto dovrebbe esserne aggiunta perché dipende dalle esigenze di chi opera, cioè a dire che aggiungerne in più o in meno non si fa danno. Il test di viscosità di una vernice è quello ad "occhiometro", veramente molto affidabile.
andante con fuoco
Paolino84
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 20
Iscritto il: martedì 4 maggio 2021, 22:26

Re: Vernice oleoresinosa trovata sul web, qualcuno la conosce?

Messaggio da Paolino84 »

Grazie Claudio per il commento. Nella mia immaginazione avevo pensato di usare più colofonia, come tu dici, e come suggeriscono altri video che ho trovato su Stradivari : almeno 120gr, ed il resto Dammar, Benzoino e una minima parte di sangue di drago (per dare una tinta ambrata leggermente rossa tipo legno di ciliegio) per arrivare ai 200gr da sciogliere in altrettanti gr di olio di lino. Cercherò di pestare tutte le resine prima di sciogliere a caldo in olio di modo da avere tempi di cottura brevi come tu mi suggerisci e diluire ad occhio per fare strati molto sottili.Per il resto non ne so praticamente niente: sulle chitarre preparo il fondo con un misto di gomma arabica e gomma adragante in acqua, può essere una buona preparazione anche per i violini o meglio la preparazione ad albumina...o caseina come fanno alcuni? Cosa suggerite?Per le mani finali ho una vernice comprata ai sali di cobalto trasparente, leggermente ambrata. Ringrazio in anticipo ci avrà la pazienza di rispondere e saluto. Buona serata.
Paolino84
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 20
Iscritto il: martedì 4 maggio 2021, 22:26

Re: Vernice oleoresinosa trovata sul web, qualcuno la conosce?

Messaggio da Paolino84 »

Ho a disposizione anche della Sandracca...
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 12547
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Vernice oleoresinosa trovata sul web, qualcuno la conosce?

Messaggio da claudio »

Sarò breve: lascia perdere, non c'è una visione chiara di come dovrebbe essere una vernice ad olio, ma soprattutto delle problematiche a cui andresti incontro con una vernice fatta di Dammar e Benzoino, per non parlare del sangue di drago.

Come già detto molte volte, trattando di vernici ad olio non è mai una buona idea imparare a cuocerle e al tempo stesso imparare ad usarle. si rischia molto concretamente di non arrivare a niente, e anche di rovinare qualche strumento.

Le vernici ad olio hanno in ogni caso una storia che dovrebbe essere conosciuta, non è come con le vernici ad alcool per cui un tanto di questo e un tanto di quello e ce la si può cavare con un semplice bagnomaria. Le vernici ad olio sono veramente un mondo a parte, che una volta conosciuto può dare molta soddisfazione.

E questo vale anche per le preparazioni, si dovrebbe usare una ricetta sapendo esattamente ciò che si sta facendo, ovviamento dopo aver fatto molte prove.

Quindi ti consiglio di acquistare una buona vernice ad olio già pronta ed imparare ad applicarla e a colorarla, in futuro potrai anche pensare di cuocere.
Cremonatools di Cremona vende una buona vernice ad olio basata sulla colofonia modificata, è un piuttosto cara ma sembra che funzioni.
andante con fuoco
Paolino84
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 20
Iscritto il: martedì 4 maggio 2021, 22:26

Re: Vernice oleoresinosa trovata sul web, qualcuno la conosce?

Messaggio da Paolino84 »

D'accordo allora, come dicevo: era per imparare dato che non ho conoscenze in merito. Vedo di cercarla, grazie per il consiglio.

Buona giornata.
Rispondi