il mio terzo violino

Suonare e costruire i violini
Rispondi
ssibelius
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 41
Iscritto il: giovedì 11 giugno 2020, 11:29
Località: Leura - NSW _Australia
Contatta:

il mio terzo violino

Messaggio da ssibelius »

Salve a tutti
questo e' il mio terzo prototipo, rigorosamente in pino.
Per natale ho ordinato il ferro per piegare i filetti.
Volevo chiedere ai piu' esperti che strumento usare per fare il canale della sguscia poiche' ho provato a farlo con una sgorbia piuttosto arcuata e mi ci e' voluto un tempo eterno.
ciao
Allegati
violino3.jpg
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 12574
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: il mio terzo violino

Messaggio da claudio »

Intanto complimenti per questo tuo terzo esemplare, la mano è ancora piuttosto rustica, ma mi sembra che ci sia un potenziale creativo.
Non capisco "rigorosamente in pino", in liuteria si usa abete rosso e acero dei balcani, che c'entra il pino?
Non capisco il ferro per piegare i filetti, non credo ne esista uno apposito, io uso lo stesso per piegare le fasce. C'è però chi usa mettere in forma i filetti per poi inserirli nel solco delle tavole in modo preciso.
La sguscia viene prodotta con una serie di 3 sgorbie le cui misure sono nel Sacconi, l'importante è non centrare la curva della sguscia sul filetto, che deve stare un poco in pendenza.
Il capotasto è fatto in modo molto approssimativo, anche questo particolare è soggetto a misure e dimensioni precise, ti consiglio di procurarti il quaderno di liuteria "il violino e i suoi formati", dove potrai trovare tutte le misure del caso.
andante con fuoco
ssibelius
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 41
Iscritto il: giovedì 11 giugno 2020, 11:29
Località: Leura - NSW _Australia
Contatta:

Re: il mio terzo violino

Messaggio da ssibelius »

Grazie della risposta
rigorosamente in pino era una battuta, ordinero' delle tavole di abete sempre per natale.
Riguardo al ferro per piegare i filetti intendevo quello per piegare le fasce che ancora non ho.
Ho seguito il quaderno numero 3 del liutaio per le misure del capotasto ma confrontando il capotasto con quello di un altro violino che ho comperato, in quest'ultimo lo scalino tra capotasto e tastiera e' appena accennato mentre nel mio e' dell'ordine del millimetro.
Mi sono comperato il bedano ricurvo per pulire il canale del filetto ma continuo ad avere problemi nel pulire il canale in corrispondenza dei baffi sulle ali.
In ogni caso continuo a provarci, forse tra 20 o 30 anni chissa' ci riesco.
ciao e grazie dei consigli
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 12574
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: il mio terzo violino

Messaggio da claudio »

Il capotasto del tuo violino, a giudicare dalla foto, sembra più un salsicciotto. Ti ho allegato una foto in cui puoi vederne uno formato in modo decente.
Il quaderno di liuteria "Il violino e i suoi formati" è indispensabile ed è il giusto complemento a quello sulla costruzione del violino.
Nella costruzione del violino ci sono due errori fondamentali che si pagano: inesperienza e ignoranza delle regole. Ogni fase di costruzione del violino ha sue regole ben precise, io mi riferisco sempre al Sacconi e al metodo di filettatura e sguscia a cassa chiusa, ma la sostanza non cambia: niente si fa a caso, e tutto si impara con l'esperienza, e ovviamente, sbagliando.
Allegati
Violin_nut.jpg
andante con fuoco
ssibelius
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 41
Iscritto il: giovedì 11 giugno 2020, 11:29
Località: Leura - NSW _Australia
Contatta:

Re: il mio terzo violino

Messaggio da ssibelius »

Grazie ancora dell'aiuto
Ho trovato inoltre il quaderno di liuteria da te indicato.
Questo finesettimana se nessuno mi disturba me lo leggo e provo a correggere il capotasto.
ciao
Rispondi