ponticello e capotasto fai-da-te

Suonare e costruire i violini
Rispondi
Sibelius89
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 26
Iscritto il: domenica 4 luglio 2010, 0:00

ponticello e capotasto fai-da-te

Messaggio da Sibelius89 » domenica 10 gennaio 2016, 8:35

Buongiorno, so che in forum di liuteria la mia domanda può sembrare "blasfema" ma spero che, date le buone intenzioni che ne sono alla base, qualcuno vorrà comunque darmi una mano.
Sto lavorando in una scuola media ad indirizzo musicale e mi trovo leggermente in difficoltà perché gli studenti hanno acquistato degli strumenti di qualità davvero bassa (pagandoli peraltro quasi quanto degli Stentor), al punto che i ponticelli dopo due mesi già sono completamente solcati per la corda mi, spesso non aderiscono bene alle tavole spostandosi continuamente in tutte le direzioni e i capotasti non hanno le incisioni delle corde ad uguale distanza l'una dall'altra - oltre ad essere di un materiale non meglio identificato ma sicuramente molto più morbido dell'ebano. Quando sono io a dare indicazioni sull'acquisto dello strumento, suggerisco sempre l'acquisto di uno Stentor che almeno garantisce uno standard proprio in queste parti tale da assicurare che lo studente possa eseguire correttamente passaggi di corda e posare comodamente le dita sulla tastiera. Quest'anno però non è andata così perché sono subentrato in un secondo momento e la frittata era già bella e fatta.
Mi chiedevo quindi se esistessero dei ponticelli prelavorati per situazioni standard e se fosse ipotizzabile sostituire da solo il capotasto ai violini. Questo per poter effettuare io i lavori e limitare al costo dei materiali la spesa, avendo già gravato sulle famiglie l'acquisto dello strumento, del leggio ecc. Immagino che, qualora esistano cose del genere, non saranno di altissima qualità, ma sono quasi certo che potrebbero essere meglio di quello che hanno adesso. Eventuali suggerimenti su come procedere sono ovviamente ben accetti (soprattutto per il capotasto), anche se ho letto qualcosa in altri topic qua sul forum.
Grazie!

Avatar utente
piase
moderatore
Messaggi: 242
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Messaggio da piase » mercoledì 13 gennaio 2016, 9:00

Se entro i 24 mesi dall'acquisto, qualsiasi non conformità di un prodotto può essere oggetto di reclamo da parte dell'acquirente.

Se ci sono problemi, ci si può sempre rivolgere a chi ha venduto il violino ed i relativi accessori (arco, custodia..) che ha sicuramente l'interesse di avere dei clienti soddisfatti.

Buona giornata e buon anno!

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1678
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » mercoledì 13 gennaio 2016, 11:27

Non credo che esistano capotasti o ponticelli pronti all'uso.
Sostituire un capotasto o un ponticello non è così semplice come potrebbe sembrare, anzi fare un buon lavoro è un'operazione piuttosto delicata che richiede precisione, abilità manuale e attrezzature specifiche (pialle, lime, coltelli etc.).
Trattandosi di strumenti molto economici, l'unico suggerimento che mi sento di darti per risolvere il problema del Mi che affonda nel legno è quello di riempire il taglio con della colla cyanoacrilica (tipo attak) e di rifare poi la tacca per la corda. Si tratta di una soluzione solitamente di emergenza e provvisoria, ma potrebbe funzionare egregiamente e anche durare nel tempo.
Si può anche usare lo stesso sistema per riempire e rifare le tacche del capotasto senza sostituirlo, di solito si usa per alzare tacche troppo basse sempre come soluzione di emergenza (e devo ammettere più su chitarre con capotasti in osso o sintetici che sui violini).

Questo tipo di colle sono irreversibili e rapidissime a far presa, declino ogni responsabilità per danni causati da un uso improprio o maldestro :wink: :D

Avatar utente
piase
moderatore
Messaggi: 242
Iscritto il: venerdì 7 gennaio 2005, 0:00
Contatta:

Messaggio da piase » mercoledì 13 gennaio 2016, 12:48

con della segatura fine di ebano e del buon cianoacrilato in alcuni casi si può rifare il solco di un capotasto "serio" in ebano in modo molto discreto ed efficace.
Sulle chitarre si una il bicarbonato di sodio insieme con il cianoacrilato come riempitivo, solo per alcuni materiali (come l'osso).

Avatar utente
davidesora
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 1678
Iscritto il: lunedì 29 novembre 2010, 0:00
Località: Cremona
Contatta:

Messaggio da davidesora » mercoledì 13 gennaio 2016, 14:28

piase ha scritto:con della segatura fine di ebano e del buon cianoacrilato in alcuni casi si può rifare il solco di un capotasto "serio" in ebano in modo molto discreto ed efficace.
Sulle chitarre si una il bicarbonato di sodio insieme con il cianoacrilato come riempitivo, solo per alcuni materiali (come l'osso).
:wink:

SS72
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 21
Iscritto il: mercoledì 13 luglio 2016, 0:00

Stencil per i ponticelli

Messaggio da SS72 » venerdì 15 luglio 2016, 19:44

Scusate, ma non esistono gli stencil dei ponticelli, con un mini seghetto, una limetta e della carta vetrata finissima uno può cimentarsi o no? Non avete i link? Non esistono siti dai quali stamparli? Chi li ha, e tiene davvero alla divulgazione, dovrebbe divulgarli.

In questo sito http://www.violinbridges.co.uk/ ho trovato dei disegni con alcune misure di ponticelli celebri. Con righello, compasso e un po' di calcoli si potrebbero ricavare degli stencil.

Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 10420
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Messaggio da claudio » sabato 16 luglio 2016, 18:42

SS72, credo che tu abbia non chiaro il procedimento su come venga realizzato un ponticello per violino. Rimanendo nell'ambito degli strumenti del quartetto, si parte quasi sempre da un ponticello prelavorato, di cui esistono modelli e qualità molto variabili. Per uno strumento d'autore se userà di legno, trattamento eventuale, e stagionatura fatta ad hoc, per gli strumenti di fabbrica si usano ponticelli di qualità proporzionale allo strumento.

Una volta procurato il ponticello prelavorato, si procede al lavoro di adattamento sullo strumento, operazione che in genere prende dalle 3 alle 5 ore circa di lavoro. La stragrande maggioranza dei liutai usa ponticelli prelavorati perchè tra i fornitori è appunto possibile scegliere il miglior pezzo che si adatti nel modo migliore allo strumento che si ha disposizione, cosa che è più difficile fare in proprio, tenendo anche conto del fatto che la lavorazione del ponticello cancella totalmente tutte le tracce di prelavorazione. Cioè a dire che nel lavoro di adattamento il ponticello viene completamente lavorato su ogni sua superficie e che in questo senso non esiste un ponticello uguale ad un altro. Questo vale anche per i ponticelli destinati a strumenti economici.
andante con fuoco

Lutteria
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 124
Iscritto il: martedì 6 settembre 2011, 0:00

Messaggio da Lutteria » martedì 20 settembre 2016, 15:31

Non so se centra molto, ma visto che siamo in tema di ponti volevo scrivere quà. Un musicista mi ha chiesto di fare un ponte da violino, uno da violoncello e un'altro ponte da modificare e assottigliare. Seguendo dei modelli che ha già lui e riprodurli con delle piccole modifiche. Quanto dovrei chiedere per fare nuovo un ponte da violino, uno da violoncello e modificare quello da violoncello?

Paganini69
garzone di bottega
garzone di bottega
Messaggi: 1
Iscritto il: mercoledì 13 settembre 2017, 14:15

Re: ponticello e capotasto fai-da-te

Messaggio da Paganini69 » mercoledì 13 settembre 2017, 14:48

Salve,

Sul capotasto... non posso dirti niente. Ma acquistando dei violini economicini (non oltre i 400 euro di prezzo), ho dovuto diventare un liutaio a tutti gli efetti per quanto riguarda i ponticelli. Perchè è lì che c'è la grossa responsabilità di trasmettere le vibrazione alla cassa armonica.

Insomma, le mie esperienze sono tante, ma semplici da spiegare. Intanto, prendi dei ponticelli semipreparati in qualunque negozio di strumenti musicali. Prendi cinque, o sei, tre o quattro, come vuoi. Inizia lasciandolo cadere sulla casa, a distanza di qualche mezzo cm, che caschi sopra le sue zampine in posizione sempre verticale, e controlla tra tutti, quale emete un suono più "lo definirei come il suono di un pezzo di vetro", ecco. Comunque, puoi scegliere quello che deciderai.

Prendi un pezzo di carta vetrata, e la butti sulla cassa armonica in modo tale che serva di base per strofinare le zampine del ponticello con cura e pazienza, fino a copiarne l'esatta forma. E' qui che c'è il segretto: devono combacciare al 170% di perfezione, per così dire.

Poi, una volta che hai controllato che i piedini sono a posto (ricorda che mentre lo strofini devi farlo con una certa inclinazione verso la parte della cordiera, in modo tale da consentire che una volta in piedi, da solo, ci sarà un angolo di 90 gradi tra la facia che da verso la cordiera e la superficie della cassa armonica. Quella che da verso il diapason deve rimanere inclinata verso la cordiera, non so se lo sai questo). Bene, a questo punto, tenendo conto che la distanza tra le corte nella cresta è di 10,1 mm, e che le corde alle estremità della cresta distano 5 mm circa dalgli estremi di essa, tutte e quattro devono essere rigorosamente equidistanti, e cercando di dare, sempre usando un coltellino in primis, con pazienza, e dopo la stessa carta vetrata per fare la finitura carina, un'altezza standard e non inferiore ai 5 mm per il Sol e di 3 mm per el Mi tra la corda e l'inizio della tastiera nera del violino. Le atre corde, evidentemente le sistemerai in modo da consentire il passo dell'arco liberamente senza sfiorare le altre corde. Re e La vanno aggiustate con un po di criterio personalizzato. Nella sommità sarebbe buono ridurre, una volta prese tutte le misure giuste, il grossore della cresta a non meno di 1,5 mm. Altrimenti le corde spacarebbero di brutto il ponte.

Il punto è che la curvatura dovrebbe in teoria imitare quella della tastiera, un pelo più gobba, ma sempre molto simile, più altina sul Sol, più bassa sul MI. sempre che lo guardi dalla tastiera verso il ponticello in prospettiva.

Insomma, si dice facile, ma ci vuole tanta pazienza e voglia. Non occorrono tre ore. Basterebbe, direi, un'ora e mezza di pazienza. Chinque se la sentirà di contradire ciò che ho scritto, rispondo che il ponticello del mio violino attuale era fatto malissimo, e da quanto mi aveva detto il venditore: "CONTROLLATO DA UN LIUTUAIO". Ben controllato era stato che ciò che per tempo pensai fossero delle fosse caratteristiche della pressione di ponticelli precedenti non era altro che eccesso di vernice, data in secondi momenti prima della vendita, col ponticello montato. La vernice si era accumulata attorno ai piedini ed asciugata. Una volta liberato il ponticello per cambiarlo, la sensazione era quella di due fosse. Un giorno pressi della carta vetrata e strofinai tre volte sopra la cassa all'altezza del ponticello. Il risultato è stato aver rovinato la vernice del violino, ma in cambio ho ottenuto la superficie curva e perfetta che ci voleva.

Niente, volevo solo dire che ho fatto provare il mio violino dopo tutto ciò al mio insegnate di violino, chi fa anche il direttore di orchestra un grande. E le sue parole sono state queste: "Per essere un violino economico, suona troppo molto bene per un principiante al tuo livello."

Amen!!!!!!!!!!!!!!

Arca
Violinaro
Violinaro
Messaggi: 262
Iscritto il: lunedì 5 ottobre 2015, 0:00
Località: Livorno
Contatta:

Re: ponticello e capotasto fai-da-te

Messaggio da Arca » venerdì 15 settembre 2017, 22:07

Bah.. mi convince niente questo tuo metodo, ma chi si accontenta gode
Alessandro Mattei

Rispondi