Un liutaio in particolare e gli strumenti di liuteria

Suonare e costruire i violini
Rispondi
LorenzoC
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 25
Iscritto il: domenica 2 giugno 2019, 10:01

Un liutaio in particolare e gli strumenti di liuteria

Messaggio da LorenzoC »

Bonnejour,
in questo periodo di quarantena il tempo da dedicare all'esplorazione è decisamente di più del solito, il che è un bene.

Inizio a "sognare" un violino serio, magari da comprare tra qualche anno una volta portato avanti il Conservatorio. Volevo chiedervi un parere sincero e personale:
Quanto pensate si possa sentire la differenza tra un violino da 4.000, 8.000 e 30.000€?

So che 4.000€ pare essere davvero molto ma molto poco per uno strumento serio (già le chitarre elettriche importanti hanno quel prezzo e non sono per niente artigianali, ma comunque li valgono). Però mi chiedevo se davvero potrò mai percepire una differenza tra un violino da 8.000€ ed uno da 30.000€ (cifra che temo non potrò mai investire in uno strumento, ahimè)

Queste cifre le ho portate ad esempio perché ho visto numerosi video ed ho guardato in giro per il sito del liutaio Edgar Russ, il quale ha tre linee di violini. Una economica fatta con semi-lavorati tedeschi finiti da loro (3K), una di violini fatti dai suoi collaboratori dove lui lavora le parti più importanti di persona (8K) e poi quelli fatti da lui interamente a mano in ogni passaggio (30K).

Volevo sapere se qualcuno di voi lo conosce o ne ha sentito parlare e come! E vorrei davvero capire se in futuro abbia senso affrontare un investimento di questo tipo (30.000€) anche solo per il mio piacere personale. Poiché anche completando il conservatorio per me il violino rimarrà sempre una passione e mai un lavoro (forse).

Grazie a tutti, spero davvero di poter avviare una interessante discussione da questo!

Buone sviolinate,

Lorenzo
Avatar utente
claudio
Liutaio
Liutaio
Messaggi: 12250
Iscritto il: sabato 15 maggio 2004, 0:00
Località: Tivoli
Contatta:

Re: Un liutaio in particolare e gli strumenti di liuteria

Messaggio da claudio »

Credo che il fattore prezzo in un violino debba essere l'ultimo ad essere preso in considerazione, prima si prova il violino e poi si chiede il prezzo. Se parliamo di strumenti d'autore vediamo che il liutaio non suddivide il proprio lavoro in fascia economica, media e alta, ma crea strumenti sempre al massimo delle proprie capacità (o almeno dovrebbe).

Credo che il musicista debba muoversi sempre in quest'ambito e non cedere mai a nessun compromesso, uno strumento d'autore contemporaneo ha normalmente un costo che varia dai 5000 ai 15000 euro, in genere gli autori anziani hanno prezzi più alti, anche se purtroppo vediamo prezzi assurdi praticati anche da liutai con meno esperienza che producono strumenti le cui qualità sonore appaiono quantomeno discutibili, o quantomeno non all'altezza del prezzo richiesto.

Inoltre bisogna anche chiedersi se uno strumento nuovo pagato un prezzo molto alto reggerà il prezzo in un futuro più o meno lontano che sarà rimesso in vendita.

Quindi, per ritornare al tuo quesito iniziale, prima di qualsiasi proposta di acquisto gli strumenti bisogna conoscerli bene e averne provati molti.
andante con fuoco
NFormaggia
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 36
Iscritto il: domenica 19 settembre 2010, 0:00
Località: Crema, Cr
Contatta:

Re: Un liutaio in particolare e gli strumenti di liuteria

Messaggio da NFormaggia »

Concordo pienamente con Claudio.

Aggiungo che provare uno strumento senza chiedere il prezzo (chiedendolo alla fine) limita anche il rischio di essere influenzati da effetto “placebo”/“nocebo”. Siamo facilmente portati a correlare qualità e prezzo, non sempre è così, non necessariamente.

Altrettanto interessante e importante è provare un violino con un “riferimento” (lo strumento che si suona o un altro che si sta valutando) in modo da avere un’immediata possibilità di confronto su caratteristiche acustiche/suonabilità/comodità. Personalmente, senza riferimento, fatico a capire le sfumature e le qualità di uno strumento ascoltato singolarmente. Immagino sia anche una questione di esperienza.

In definitiva non resta che provare, il più laicamente possibile.

In termini di investimento, possiamo tranquillamente dire che, se lo strumento d’autore ha possibilità di valutarsi e guadagnare valore, lo strumento semilavorato si svaluta quasi sicuramente. Questo fatta salva la bontà acustica (che non escluderei a priori).
Avatar utente
sullacorda
Utente Esperto I
Utente Esperto I
Messaggi: 332
Iscritto il: lunedì 17 aprile 2006, 0:00

Re: Un liutaio in particolare e gli strumenti di liuteria

Messaggio da sullacorda »

Mi permetto di aggiungere che va creato anche un "feeling" con il liutaio anche perchè un violino è l'espressione della ricerca artistica di una persona e come tale è personale e segue il gusto di quella persona che non è detto sia il tuo. Il rapporto con il liutaio è fondamentale poi per la fiducia e la manutenzione .. per garantire un "valore" nel tempo che non sia solo economico ma di continuità. Io mi ritengo fortunato per gli strumenti che posseggo e non tanto loro possessore: fortunato perchè li ho trovati e sento che mi danno sempre moltissimo.
Sul discorso prezzo concordo, anche se è normale, anche per un senso di correttezza, che uno chieda il prezzo per non far "perdere tempo" a nessuno: in generale per me vale il principio che a meno di grandi fortune, che capitano molto raramente, una cosa che costa poco vale poco, una cosa che costa tanto "può'" valere tanto: da matematico si direbbe è condizione necessaria ma non sufficiente.
Buona ricerca e tieni presente che una cosa vale anche per quello che sei in grado di apprezzarla e sei disposto a pagare: uno stradivari vale milioni ma sei in grado di tirarne fuori quella differenza rispetto ad uno strumento da 30 o 100000 euro? Io personalmente ho provato una volta uno strumento da 50k e da 500k e la differenza l'ho chiaramente sentita, dalla prima arcata, ma non sarei mai stato in grado di quantificarla.
ciao
Rispondi